“Non si vive invano ai piedi di un vulcano” Jorge Pilar vesuvionline | Il Cannocchiale blog .

vesuvionline
Notizie, aggiornamenti e liberi pensieri di vita sociale e politica dei vesuviani



Facciamo sì che la distruzione ambientale

diventi un crimine.
 

Unisciti al movimento e fai sentire la tua voce!


Un'iniziativa dei cittadini europei ha potere giuridico,
i politici non possono più ignorarci!
1 Milione di firme per il nostro futuro

"la legalità è la premessa assoluta della democrazia" 

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono.Poi vinci!"
Mahatma Gandhi

In uno stato democratico i cittadini hanno diritto
ad esprimere le proprie opinioni dove vogliono.
Anche su internet. 

 

 Utente: Alessandro74
Nome: FrancoM

Sono uno in mezzo ai tanti.

Uno che pensa e quindi esiste.

 Sono quello che sono, imperfetto e migliorabile.

Sono uno che sa di non sapere.
 

Adesso una Italia nuova
...YES, WE CAN...
Si può fare

 

Consulta il METEO dei Comuni vesuviani

Meteo Campania

 a cura di ilmeteo

  Versione in altra lingua

 Con un semplice click puoi accedere alla versione del sitonella lingua da te desiderata.Il servizio, avvalendosi di stumenti automatici online, è soggetto a imprecisioni di traduzione;non abbiamo quindi alcuna responsabilità sulle traduzioni.

  • english - powered by Google Translate
     
     

 

 

 

 

 foto

 

NOI CI IMPEGNIAMO

Ci impegniamo noi

e non gli altri

unicamente noi

e non gli altri,

né chi sta in alto

né chi sta in basso,

né chi crede

né chi non crede.

Ci impegniamo senza pretendere

che altri s'impegnino,

con noi o per suo conto,

come noi o in altro modo.

Ci impegniamo senza giudicare

chi non s'impegna,

senza accusare chi non s'impegna,

senza condannare chi non s'impegna,

senza disimpegnarci

perché altri non s'impegna.

Ci impegniamo perché

non potremmo non impegnarci.

 
 

Chi lotta sa di poter perdere

chi non lotta ha già perso

 

 

Solo in Campania, posto che nelle altre regioni vige il divieto assoluto, (con il decreto n. 90) sarà possibile smaltire in discarica un rifiuto normativamente considerato pericoloso in qualsiasi paese europeo.
75 Magistrati
della Procura Generale di Napoli (documento inviato al Consiglio Superiore della Magistratura nel giugno 2008)


Questo è un Urban Blog!
Boscotrecase e Area Vesuviana


 

 Firma contro i corrotti

aiutaci
 
"Signor Abate, detesto quello che scrivete, ma darei la vita per permettervi di continuare a scrivere"  
François-Marie Arouet (per gli amici e gli svizzeri Voltaire 1754) 

Dovete ritrovare il coraggio di indignarvi di fronte alla negazione dei diritti che vi competono
mons. Depalma Vescovo di Nola


"Il male non sta solo nell'atto di compiere il male, sta nel non prendere posizione contro il male"
Oriana Fallaci.

 "Chiunque, da solo, si accinge oggi a spostare le montagne dell'indifferenza, se non dell'odio e della violenza, ha un compito immane. Ma ciò che è impossibile a milioni di uomini isolati e divisi, pare diventi possibile a gente che ha fatto della fraternità universale il movente essenziale della vita.”
Chiara Lubich - Parlamento europeo, 1998

"Se vuoi la Pace custodisci il Creato

e difendi i diritti e i beni comuni di ogni uomo".

 

 « Ogni giorno di più mi convinco che lo sperpero della nostra esistenza risiede nell'amore che non abbiamo donato. L'amore che doniamo è la sola ricchezza che conserveremo per l'eternità »
Gustavo Rol

Cercate l'amico sempre nelle ore di vita, lui può colmare ogni vostro bisogno,
ma non il vostro nulla.

K. Gilbran 

lo sdegno per la realtà delle cose è il coraggio di cambiarle
Sant'Agostino

"Lasciatemi dire che è anche un po' colpa nostra se c'è qualche politico, più di un politico, che non fa il proprio dovere o, peggio ancora, fa qualcos'altro"
Francesco Fortugno

" La mafia non è affatto invincibile.
E' un fatto umano, e come tutti i fatti
umani ha avuto un inizio e avrà anche
una fine.
Piuttosto bisogna rendersi conto
che è un fenomeno
terribilmente serio,
molto grave,
e che si può vincere
non pretendendo l'eroismo
da inerti cittadini, ma impegnando
in questa battaglia tutte le forze
migliori delle istituzioni.."

Giovanni Falcone

"E' naturale avere paura,

l'importante è che sia accompagnata dal coraggio"

paolo borsellino 

Il fatto è che loro sono forti della nostra paura.

Nel momento in cui noi non abbiamo più paura ,

loro sono poca cosa.

Silvana Fucito

Il saggio sa di essere stupido,
è lo stupido invece che crede di essere saggio 
William Shakespeare


Si è sempre meridionali di qualcun'altro

 

Se i genitori hanno fallito che siano i figli ad educare i padri;

se la vecchia scuola ha mancato che siano gli alunni a formare i
docenti distratti o cinici o indifferenti;

se la politica ha mostrato il suo volto
peggiore che siano i cittadini a ricordare ai politici che sono loro ad essere al servizio della gente e non viceversa!

                                                            

                                  prof. Felicio Izzo


"La democrazia è il governo del popolo, dal popolo, per il popolo"
Abramo Lincol


La vecchiaia è come un conto in banca.
Prelevi da ciò che hai accumulato.
Date di più. Aspettatevi di meno. 


Aiuta gli altri ad aiutare se stessi.
Rita Levi-Montalcini

 

Gli uomini sbagliano e comunque, quando lo fanno, subiscono sempre le conseguenze dei loro errori. L’arte invece è sempre al di sopra di tutte le bassezze umane, infatti risorge prepotentemente da tutte le ceneri.
musicaepolitica

Quando imparermo ad osservare senza emettere giudizi, sarà un gran giorno per la nostra intelligenza.
Sale nel mondo

 "Se non diremo cose che a qualcuno spiaceranno, non diremo mai la verità"
Joseph Pulitzer (1911)


"Val sempre la pena di fare una domanda, ma non sempre di darle una risposta"
(Oscar Wilde)

"Non c'è nulla di male a essere ultimi, se lo si è con dignità"
(Zdenek Zeman)



"Non serve trovare un posto in una società ma costruire una società nella quale valga la pena di trovare un posto" 


 A combatter con il fango...
che si vinca o che si perda,
sempre ci si infanga.
 
 

«… Noi sappiamo che la Terra non appartiene …»

all’uomo, è l’uomo che appartiene alla Terra.

Questo sappiamo.

Tutte le cose sono collegate

come il sangue che unisce una famiglia.

Tutto è connesso.

Quello che accade alla Terra,

accade ai figli della Terra.

L'uomo non ha tessuto la trama della vita,

in essa non è che un filo.

Qualsiasi cosa che egli faccia alla trama…

la fa a sé stesso

Risposta del Capo Indiano Seattle

al Presidente Americano nel 1854

 

Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri.
I tuoi pensieri diventano le tue parole.
Le tue parole diventano le tue azioni.
Le tue azioni diventano le tue abitudini.
Le tue abitudini diventano i tuoi valori.
I tuoi valori diventano il tuo destino.
Mahatma GANDHI

Ama tutti
Ama ogni giorno
Ama per primo
Chiara Lubich


La libertà è innanzitutto un dovere,
prima che un diritto
Oriana Fallaci

"Nessuna violenza sui bambini è giustificabile, tutte le violenze sui bambini possono essere evitate. Il grado di civiltà di un Paese si misura in base all'attenzione che dedica ai suoi bambini".
Walter Veltroni


"il miglio rifiuto è quello che non è prodotto"
W. Sacks

Una stampa cinica e mercenaria
 prima o poi
creerà un pubblico ignobile.
Joseph Pulitzer

Non avere amici che non siano simili a te stesso; se sbagli, non aver paura di correggerti.Non mi dispiace di non essere conosciuto dagli uomini, mi dispiace di non conoscerli.
Confucio

La legalità non si predica, si pratica 

Sii forte, mia dolcissima, in questa prova assurda e incomprensibile.
Vorrei capire, con i miei piccoli occhi mortali, come ci si vedrà dopo. 
Se ci fosse luce, sarebbe bellissimo.
 
Aldo Moro alla moglie Eleonora

La Pace prima che traguardo, è cammino, cammino in salita.
don Tonino Bello

Uno stato che attua la pena di morte
è uno stato che non insegna
che uccidere è sbagliato!
nelson mandela

"...Come vedi tutto è usuale, solo che il tempo chiude la borsa
e c'è il sospetto che sia triviale l'affanno e l'ansimo dopo una corsa,
l'ansia volgare del giorno dopo, la fine triste della partita,
il lento scorrere senza uno scopo di questa cosa che chiami vita."
il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni
el Che

l`uomo saggio è colui che sa di non sapere..
filosofia Zen

"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinunzino all'azione"  Edmund Burke

"Se i tempi non richiedono la tua parte migliore... inventa altri tempi!"

"Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere,qualunque sia il sacrificio da sopportare,costi quel che costi,perche' in cio' sta l'essenza della dignita' umana"
Giovanni Falcone 

per cambiare il mondo basta anche una sola persona,
basta che non sia una persona sola
Mario Adinolfi

Molto ho imparato dai miei maestri, altro dai miei colleghi
e moltissimo dai miei allievi.
 [dal “Talmud”]
   

"Un idiota in un posto importante e' come un uomo in cima a una montagna: tutto gli sembra piccolo e lui sembra piccolo a tutti"
(Match)

"La somma dell'intelligenza sulla Terra e' costante; la popolazione e' in aumento"
(Cole)

”Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano,
per quelli che non c’erano e anche per chi era contro…”
Arrigo Boldrini (medaglia d’oro per la Resistenza) 

Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia
commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo
Ernesto Che Guevara

"Se un uomo non è disponibile a correre qualche rischio per le proprie idee,
o le sue idee non valgono nulla
o è lui che non vale nulla"
(Ezra Pound)

“I deboli non combattono,
quelli più forti lottano per un’ora,
quelli ancora più forti lottano per molti anni,
ma quelli fortissimi lottano per tutta la vita.
Costoro sono indispensabili”

B. Brecht



“Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato
quando l'ultimo albero sarà abbattuto
quando l'ultimo animale sarà ucciso
solo allora capirete che il denaro non si mangia."
Profezia Creek

Quando la metà del mondo guarda in tv

l´altra metà che muore di fame,
la civiltà è giunta alla fine.

James Wolfensohn
già presidente della Banca Mondiale
 


 Essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza,

anche quando ilmare è cattivo e il

cielo si è stancato di essere azzurro.

Bob Dylan



Se sei triste e vorresti morire, pensa a chi sa di morire e vorrebbe vivere.    
Jim Morrison

"La pena che i buoni devono scontare per l'indifferenza alla cosa pubblica

è quella di essere governati da uomini malvagi"

Socrate

 

È necessario cercare il giusto equilibrio tra
il rispetto della propria identità e il riconoscimento di quella altrui.
 
 Papa Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla)

 

"Dio, tu che hai posto un limite all'intelligenza dell'uomo, perchè non hai posto un limite alche alla sua idiozia?"
 

(John Fitzgerald Kennedy)
 

 "L'utopia è come l'orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'utopia? Serve proprio a questo: a camminare".

Eduardo Galeano

 

 

„Non possiamo più ignorare e sottrarci al dibattito politico, dimenticare l’urgenza di una

riappropriazione delle sfide democratiche, «facendo come se» l’impegno civile e

responsabile fosse una faccenda riservata agli eletti“

 

 "Non dimenticare che nei periodi più bui, un piccolo numero di donne, di uomini, di giovani e perfino di bambini sparsi sulla terra, sono stati capaci di cambiare il mondo”  Frére Roger Schutz

Se in tutta questa guerra disonesta dobbiamo perdere anche il gusto del bello, allora il barbaro ha già vinto   Trevanian - "Shibumi. Il ritorno delle gru. L'etica dell'assassino perfetto"

"Alla fine, proteggeremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che capiamo, e capiremo solo ciò che ci viene insegnato"    Baba Dioum, ambientalista senegalese

Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla Martin Luter King

31 ottobre 2014
Parte il progetto EU di COHEIRS per nominare Sentinelle ambientali in #terradeifuochi
           

Stasera in Prefettura a Napoli parte con i comitati il progetto COHEIRS per Sentinelle Ambientali in

DIARI
28 ottobre 2014
Da Boscotrecase a vice campione d'Europa a 8 anni...bravissimo Claudio Paduano
           

Claudio, baby scacchista napoletano, medaglia d'argento agli Europei «under 8»

 
Il piccolo scacchista napoletano Claudio Paduano, nemmeno otto anni, è il vicecampione europeo per la categoria «under 8».
Claudio, di Boscotrecase, ha conquistato la medaglia d'argento nel torneo valido per il titolo che si è chiuso oggi a Batumi, in Georgia. Il campioncino, tesserato per l'Associazione scacchistica Oplonti di Torre Annunziata, pratica il «nobil giuoco» già da alcuni anni seguendo gli insegnamenti di alcuni fra i migliori maestri partenopei. Nel 2013 si è laureato campione italiano per la sua fascia d'età.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scacchista claudio medaglia Boscotrecase

permalink | inviato da FrancoM il 28/10/2014 alle 23:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
24 ottobre 2014
Assemblea Nazionale Movimento Legge Rifiuti Zero a Roma sabato 25 ottobre

           

 

AMICI,

dalle ore 10:30 alle ore 17:30 di SABATO 25 OTTOBRE 2014 in Via Boemondo 7 (vicino alla Metro Tiburtina) a Roma, si terrà l'assemblea nazionale pubblica del movimento Legge Rifiuti Zero.

Via Boemondo è a 100 metri dalla Stazione Tiburtina FS che è anche fermata Metro B (da stazione Termini si raggiunge prendendo la metro in direzione Rebibbia. Fate attenzione alla direzione finale dei treni ! non prendete quelli per Conca d'oro) salendo dal piazzale la via Lorenzo il Magnifico è la terza traversa a sinistra.

La sala è dentro un complesso sportivo con annesso giardinetto pubblico e bar-ristorante.

L'ordine del giorno è il seguente:

  • FINALITA' del Movimento Legge Rifiuti Zero
  • ORGANIZZAZIONE del Movimento L.R.Z.
  • DELEGAZIONE parlamentare del Movimento L.R.Z.
  • CAMPAGNE nazionali in atto a supporto della L.R.Z.
  • SBLOCCA ITALIA: proposte del movimento L.R.Z.

Il programma della giornata si articolerà nel seguente modo:

 

Moderazione a cura di Silvia Acquistapace per il Lazio

  • 10:30 Benvenuto della regione Lazio ospitante e propria sintesi;

  • 10:40 Sintesi delle regioni delle situazioni in atto sul fronte del ciclo dei rifiuti in ogni singola regione.
    • (tempi obbligatori: 5 minuti per ogni relatore)

Moderazione a cura di Claudio Pellone per la Campania 

  • 11:40 Plenaria sulla finalità del movimento.
    • (tempi obbligatori: 3 minuti per ogni intervento)

  • 13:00 Plenaria sulla scelta della delegazione parlamentare per l'incontro con la commissione ambiente
    • (tempi obbligatori: 3 minuti per ogni intervento)

  • 13:30 pausa pranzo: leggere, per favore, le opzioni riportate in fondo alla mail

Moderazione a cura di Patrizia Pappalardo per la Lombardia

  • 14:30 riorganizzazione del movimento: analisi delle proposte pervenute per gruppi di lavoro
    • (tempi obbligatori: 3 minuti per ogni intervento)

  • 15:30 plenaria con lettura delle sintesi parziali di ogni tavolo

Moderazione a cura di Alessandro Zagaria per la Puglia

  • 16:00 Illustrazione delle campagne: a supporto della Legge Rifiuti Zero (tempi:10 minuti per ogni relatore)

  • 16:40 sblocca italia: proposte del movimento per coadiuvare l'opposizione alla "sblocca-Italia"
    • (tempi obbligatori: 2 minuti per ogni intervento)

  • 17:00 conclusioni e definizione della data della prossima assemblea nazionale

  • 17:30 saluti

La partecipazione all'assemblea è garantita anche da un comodo servizio di audio-conferenza.

Per avvalersene seguite, per favore, le istruzioni riportate a seguire.

La fase delicata che il movimento sta per affrontare nel periodo che ora si apre sull'iter parlamentare della legge richiede la massima condivisione tra noi, per questo motivo, oltre ad una sentita e numerosa partecipazione, invitiamo tutti a predisporsi al compromesso ed al confronto democratico. La risultante delle decisioni assembleari, nell'interesse generale, saranno frutto di una larga intesa rinunciando ad un sistema di votazione che potrebbe esaltare le differenze piuttosto che aiutare, con l'unione delle forze e delle idee, il percorso della legge e la sua approvazione. 

 

Arrivederci a Sabato !

Comunicazione ufficiale generata dalle regioni deputate alla moderazione congiunta dell'evento:

Campania, Lazio, Lombardia, Puglia

 

  • Istruzioni audio-conferenza:

 E' possibile partecipare all'audioconferenza da telefono fisso (chiamando un numero di rete fissa) o da cellulare (chiamando un numero di rete fissa).Per i costi dovrete verificare cosa prevede il vostro piano tariffario in caso di chiamata verso rete fissa nazionale.

Quindi, comporre uno qualsiasi (non dipende da dove si risiede) dei seguenti numeri:
Roma 06 888 12 000
Milano 02 872 12 000
Bari 080 940 1111
Bologna 051 070 1111
Cagliari 070 776 1111
Catania 095 829 1111
Enna 0935 184 1111
Firenze 055 469 1111
Genova 010 853 1111
Modena 059 834 1111
Napoli 081 1988 1111
Palermo 091 860 1111
Perugia 075 945 1111
Torino 011 034 1111
Trieste 040 975 1111
Venezia 041 882 1111

Dopo aver udito una voce registrata, comporre 582654# (numero della stanza).

Accorgimento tecnico IMPORTANTE: poiche' saremo collegati in tanti, ogni rumore di fondo (bambini, mogli, mariti, tv, suocere...) si somma al rumore di fondo degli altri, rendendo impossibile la comprensione degli interventi. Per ovviare a questo problema munitevi di telefono con tastiera: digitando *1 (contemporaneamente i tasti ASTERISCO e 1) si silenziera' il proprio microfono, in modo da ascoltare senza disturbare. Nel momento in cui vorrete parlare, digitate nuovamente *1

 

DIARI
24 ottobre 2014
Tasi e Autosmaltimento

TAR Campania: Chi fa la raccolta differenziata e l’autosmaltimento non deve pagare

Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania ha stabilito che chi fa la raccolta differenziata e ricicla in proprio i rifiuti non deve pagare la tassa di igiene ambientale (TIA). Con una recentissima sentenza il Tar – in sede di giudizio di merito – ha condannato il Comune di Castelvolturno a pagare le spese di giudizio e ad esentare il Lido delle Sirene dal pagamento del tributo accogliendo pienamente  il ricorso del presidente AssobalneariCampania – Confapi Antonio Cécoro che insieme alla madre Clementina della Vecchia gestisce lo stabilimento balneare dove è stato raggiunto il 98% di raccolta differenziata e riciclaggio rifiuti dal 2011.

Il Comune di Castelvolturno aveva respinto la richiesta di esenzione avanzata da Cécoro e addirittura  proibito raccolta e autosmaltimento minacciando perfino di revocare la concessione balneare. Il ricorso, stilato dall’avvocato Luigi Roma, aveva già suscitato una ordinanza di sospensione delle pretese comunali. In sede municipale si sosteneva infatti che la differenziata e l’autosmaltimento non erano stati autorizzati e non erano consentiti dal regolamento comunale. L’odierna sentenza del Tar – firmata dal presidente Cesare Mastrocola e dai consiglieri Pierluigi Russo e Carlo Dell’Olio- precisa che nessun regolamento comunale prevale sulla legge nazionale 22/1997 che esenta dall’ imposta chi riesce a smaltire in proprio i rifiuti; che non c’è nessun bisogno di preventiva autorizzazione per l’autosmaltimento e che è del tutto illegale la pretesa comunale di gestire in proprio la materia rifiuti. “Questa sentenza sarà alla base di una grande campagna di informazione destinata non solo ai lidi balneari, ma può e deve essere applicata ovunque” dichiara l’architetto Antonio Cécoro, che sull’argomento venne lungamente intervistato nella trasmissione uno mattina della Rai. Nel suo stabilimento balneare viene attuato il sistema G.A.R.D.A (Gestione Autonoma Rifiuti Differenziati e Affini) che è stato presentato il 15 aprile scorso all’Arenile di Bagnoli. Anche a Napoli si è verificato un analogo episodio di differenziata e autosmaltimento ad iniziativa del presidente Armando Coppola, della IV Municipalità (San Lorenzo, Vicaria, Poggioreale, Zona industriale) al quale è arrivato il divieto del vice sindaco Sodano.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Tasi autosmaltimento Rifiuti zero

permalink | inviato da FrancoM il 24/10/2014 alle 14:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
17 ottobre 2014
Rifiuti: Campania in progress...per R.D.
           

Avanti così…alla fine le idee vincenti…vincono…

 

 

Raccolta differenziata: la Campania recupera e batte la Toscana

Nonostante i ritardi di Napoli, la regione è arrivata al 44%. Sono i dati di Legambiente che avverte: "Ora servono impianti di trattamento, non inceneritori"

di ANTONIO CIANCIULLO

 

 

17 ottobre 2014

 

Sulla raccolta differenziata Campania batte Toscana 44 a 42: sono le percentuali raggiunte dalle due regioni. Secondo i dati del rapporto Comuni ricicloni di Legambiente, solo 8 Municipi sui 358 censiti in Campania hanno una percentuale di differenziata minore del 35%; 230 superano il 55% di differenziata (di cui 143 vanno oltre il 65%).

Mentre sta per arrivare la condanna europea per i rifiuti in Campania, la regione è dunque uscita dall'emergenza. Resta l'imbarazzante caso Napoli in cui il ritardo nella capacità di risposta continua schiacciandola al 21% di raccolta differenziata. Ma la regione complessivamente - come segnala anche l'ultimo rapporto di Ispra - ha cambiato passo raggiungendo una quota di raccolta differenziata (44%) semplicemente impensabile fino a pochi anni fa: è maggiore di quella della Toscana e uguale a quella della Val d'Aosta.

"Sono dati che raccontano una svolta clamorosa", commenta Stefano Ciafani, vice Presidente nazionale di Legambiente. "Ora bisogna farla valere a Bruxelles prima che arrivino multe milionarie. E poi agire in maniera coerente in modo da evitare che, per colpa di scelte sbagliate, il problema si riproponga. Quello che manca sono gli impianti per la lavorazione dei materiali che vengono dalla raccolta differenziata: bisogna realizzarli con urgenza. Il governo invece continua a vedere un film vecchio e si muove di conseguenza parlando di inceneritori. Il nuovo inceneritore di Salerno che Renzi vuole costruire con il decreto competitività convertito in legge la scorsa estate non avrebbe più i rifiuti sufficienti per funzionare: dovrebbe importarli da fuori regione. Invece di prevedere lo sblocca inceneritori, si dovrebbe pensare a uno sblocca impianti per trattare l'organico differenziato in tutto il centro sud".

A frenare il salto di gestione sui rifiuti non è dunque - a parte alcune vistose eccezioni - la mancanza di buona volontà dei cittadini o di capacità tecnica, ma l'insufficienza di impianti tecnologicamente avanzati che permettano di chiudere in modo virtuoso il ciclo degli scarti. Intere regioni (e città come Milano) estraggono ormai dai rifiuti urbani una quantità di organico che potrebbe alimentare una filiera produttiva interessante. Ma in molte aree gli impianti sono sotto dimensionati. Ad esempio il nuovo e avveniristico digestore anaerobico di Salerno da 30mila tonnellate all'anno è già saturo con i rifiuti provinciali.

Certo i lasciti del passato creano problemi ancora irrisolti (è il caso delle ecoballe in Campania su cui varie opzioni restano aperte). Ma senza investimenti su tecnologie moderne sarà difficile uscire da un'emergenza cronica: arriveranno? "Noi siamo pronti a stimolare la crescita delle strutture necessarie a dare uno sbocco economico e occupazionale alla raccolta differenziata", risponde il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti. "Quanto agli inceneritori, la proposta del governo è equilibrata: prima di progettarne altri facciamo lavorare bene quelli che esistono".
DIARI
16 ottobre 2014
Partono le Bonifiche nell'area vesuviana !?!
Comunicato stampa

 

Finalmente qualcosa si muove nell’ambito dell’azione di bonifica del SIN/SIR Litorale vesuviano.

La sollecitazione della cittadinanza attiva a seguito delle ripetute audizioni sostenute alla commissione Sanità del Senato e in sede di Conferenza dei servizi presso il MATTM in cui abbiamo espresso le preoccupazioni connesse all’approfondimento dello Studio SENTIERI nel SIN/SIR “vesuviano” e nel successivo partenariato previsto dall’Agenda 21 per il Piano regionale di Bonifiche a cui aveva fatto seguito l’impegno manifestato dalla Regione Campania a farsi carico di disporre caratterizzazioni e messa in sicurezza dell’area passata sotto la sua competenza, finalmente arriva la buona notizia.

Ovviamente questo è un primo passo, concreto, con risorse non esaustive ma importanti, che vanno nella direzione giusta e che devono diventare operative nell’ambito della trasparenza e con la partecipazione della cittadinanza attiva come avvenuto sino ad ora.

Resta il rammarico di non essersi spinti nel prendere in considerazione le sub perimetrazioni del SIN/SIR almeno per quanto riguarda le vaste aree della pineta di Torre del Greco, la Pozzelle e la Fungaia vesuviana dove insistono siti contaminati da più decenni.

In attesa dei tempi tecnici per vedere disponibili i finanziamenti annunciati la Rete dei Comitati vesuviani comunica che per fine anno nella conferenza nazionale della rete comuni SIN che si terrà proprio nell’area vesuviana ospiteremo i maggiori esperti nazionali in tema di caratterizzazione e bonifica di aree contaminate e i membri del board dell’Agenzia europea per l’ambiente dove faremo il punto dello stato di criticità dell’area e di una possibile e difficile messa in sicurezza.

Nel frattempo spingiamo le autorità nazionali a rendere da subito disponibili i finanziamenti previsti dalla legge sulla Terradeifuochi et altri per il monitoraggio dello stato di salute delle popolazioni del territorio campano che rientrano nell’area definita dal DL governativo e dell’inquinamento ambientale a cui è sottoposto l’intera area protetta del Parco nazionale del Vesuvio e del suo waterfront.

 

Rete dei Comitati vesuviani

Zero Waste/Rifiuti Zero Italy

 

 

 

La Giunta regionale ha stanziato circa 6 milioni di euro per la realizzazione degli interventi di verifica, messa in sicurezza, caratterizzazione e bonifica delle aree ricadenti nell'ex Sito di Interesse Nazionale (SIN) "Litorale Vesuviano". Il sito comprende, parzialmente o totalmente, i seguenti territori comunali: Trecase, Boscoreale, Terzigno, Boscotrecase, San Giorgio a Cremano, Portici, Ercolano e Torre del Greco, Torre Annunziata, Castellammare di Stabia e Pompei.

Le risorse saranno impiegate per i seguenti interventi:

studio per la determinazione dei valori di fondo dei suoli e delle acque di falda per aree omogenee e significative ed in particolare per Terzigno, Ercolano, e la fascia litoranea Torre Annunziata-Castellammare di Stabia ( euro 1.220.000); redazione dei piani di indagini preliminari delle aree pubbliche (euro 155.550); attuazione dei Piani di indagini preliminari (euro 181.840); redazione dei Piani di caratterizzazione dei suoli e delle acque di falda per le aree interessate per le quali si è riscontrato il superamento delle CSC a valle delle indagini preliminari (euro 155.550); attuazione dei piani di caratterizzazione dei suoli e delle acque di falda nelle aree di competenza pubblica, presentazione dei risultati (euro 533.750); controllo delle attività di campo e validazione dei risultati (euro 159.437); progettazione e realizzazione degli interventi di messa in sicurezza d'emergenza e di bonifica delle aree risultate contaminate (euro 471.451); adeguamento ed attuazione del piano di caratterizzazione dell'aree di cava e di discarica in località Pozzelle nel Comune di Terzigno (Euro 1.522.263). Ed ancora: attuazione del piano di caratterizzazione dell'area di discarica Amendola-Formisano nel Comune di Ercolano (Euro 254.840); Controllo delle attività e validazione dei risultati analitici (Euro 20.866).

 Collegamento permanente dell'immagine integrata

DIARI
15 ottobre 2014
I magnifici 10 Sindaci della Campania con R.D. sopra 80%

  I Sindaci per verso ..la c'è...e ci piace

GRANDI !!!

DIARI
15 ottobre 2014
La Campania che ci piace...#rifiutizero

Dicevano che era utopia, impossibile a realizzarsi...e invece proprio quì...in Campania

È Sassano, comune salernitano di oltre 5mila abitanti, con il 93 % di raccolta differenziata e 92,07 indice IPAC, il «Comune Riciclone Campano» 2014. Al posto d'onore Casal Velino con il 85% di raccolta differenziata e 89,36 di indice IPAC, medaglia di bronzo per il comune salernitano Roccadaspide con il 94 % RD e 88,20 di indice IPAC.

È stata presentata la X edizione del Premio Comuni Ricicloni Campania 2014 di Legambiente il riconoscimento ai Comuni per la migliore qualità di raccolta differenziata. Sono definiti comuni ricicloni 2014 tutte quelle amministrazioni che hanno raggiunto la percentuale del 65% (come richiesto dalla normativa vigente), mentre per stabilire la classifica generale e la premiazione dei comuni è stato definito un metodo di valutazione, che tiene conto della percentuale di raccolta differenziata raggiunta dai comuni nel 2013 e della valutazione delle buone pratiche adottate dagli stessi.

Dalla somma dei due indicatori è fatto derivare l'indice IPAC (Indice di prestazione ambientale del comune) che stabilisce la graduatoria finale. In Campania sono 143 i comuni che hanno raggiunto la percentuale del 65% come previsto dalla legge (lo scorso anno erano 83). Comuni che diventano ben 230 (oltre il 65% del totale) se consideriamo la quota del 55% di raccolta differenziata un risultato che dimostra che esiste una Campania Riciclona, radicata, che si consolida in quantità e qualità.

Per quanto riguarda la classifica dei capoluoghi di provincia la maglia rosa spetta a Salerno con 65% di raccolta differenziata, seguita da Benevento con il 64 %. Solo queste due città hanno fornito i dati mentre per gli altri tre capoluoghi di provincia si è fatto ricorso, solo per completezza delle informazioni, ai dati del sito ORR. Avellino comunque si piazza terza con il 55 %, segue Caserta con 45% chiude Napoli con il 21 %.

«La Campania Riciclona - dichiarano Michele Buonomo e Antonio Gallozzi, rispettivamente presidente e direttore di Legambiente Campania - traccia la via maestra per la corretta gestione dei rifiuti nella nostra regione. La nostra regione è giunta a percentuali superiori alla media nazionale grazie all'impegno di tantissime amministrazioni e davanti a questo risultato appare incomprensibile ed illogico l'accanimento delle Istituzioni nel voler realizzare ulteriore impiantistica per l'incenerimento e di contro rilevare un celato disimpegno nella realizzazione della utile e necessaria impiantistica della frazione organica proveniente dalla raccolta differenziata, unica strada per risolvere i problemi e bloccare l'incombente procedura di infrazione comunitaria. In questo scenario- concludono Buonomo e Gallozzi- vogliamo evidenziare ancora una volta il lavoro svolto da una ampia e crescente schiera di amministrazioni locali, che dimostrano, nonostante le condizioni avverse, che la corretta gestione dei rifiuti in Campania non è una chimera».

«Nel decennale di Comuni Ricicloni Campania - commenta Stefano Ciafani, vicepresidente nazionale Legambiente - questi risultati dimostrano che insistere sulla strada della raccolta differenziata e del suo riciclaggio, stimolando e supportando le amministrazioni locali e sensibilizzando i cittadini, è stata una scelta vincente. Esiste un Campania Riciclona, radicata, che si consolida in quantità e qualità, e che ha ormai superato regioni come la Toscana considerate una volta virtuose ma ormai ferme da tempo».

 

LA SINTESI

La che piace..primo comune d'Italia a ...è possibile GRANDI!!!

 

La che piace...61 comuni su 551 con meno 75 kg/ab/anno di secco... è possibile

La che ci piace... è possibile

Grazie ai grandissimi Sindaci virtuosi e lungimiranti.

Di essi la Campania ha bisogno sempre più!!!

 

DIARI
13 ottobre 2014
14 OTTOBRE: GIORNATA MONDIALE CONTRO L’INCENERIMENTO DEI RIFIUTI

14 OTTOBRE: GIORNATA MONDIALE CONTRO L’INCENERIMENTO DEI RIFIUTI PROMOSSA DA GAIA

image

COMUNICATO STAMPA

In Italia sarà Zero Waste Italy a coordinare le iniziative con tutte le realtà locali interessate a mobilitarsi anche con piccole iniziative rese però importanti proprio perché inserite in questo appuntamento globale. Zero Waste Italy raccomanda ai gruppi, associazioni e comitati locali di dare una forte impronta di secco rifiuto al tentativo del governo di rilanciare il morente incenerimento con l’articolo 35 del decreto “Sblocca Italia”. Esso infatti non solo contraddice pesantemente gli indirizzi europei che esortano ed impongono di puntare al massimo recupero dei materiali – mettendo in guardia dalla “scarsità delle materie prime nei prossimi 25 anni” – in un contesto di reinserimento degli stessi   all’interno di un nuovo modello di “economia circolare”, ma addirittura, per assecondare “multiutilities” (ed ENI) a “caccia di rifiuti” e vicine ad una crisi di “astinenza” per il calo progressivo dei rifiuti da bruciare; effetto combinato di crisi dei consumi ma anche per la diffusione ormai inarrestabile delle buone pratiche di raccolte porta a porta e di riduzione/riuso. Esse hanno fatto diminuire sia il monte rifiuti (sceso sotto la soglia dei 30 milioni di tonnellate per gli RSU) ma soprattutto dei rifiuti da smaltire (molte realtà anche grandi hanno un “procapite” di RUR- Rifiuti Urbani Residuiinferiore ai 100kg anno!). Il caso Parma è un esempio di questo tentativo grossolano: con il “funerale” del cassonetto e con la generalizzazione del porta a porta l’inceneritore realizzato a forza funziona solo per il 40% delle proprie potenzialità confermando come non ci sia bisogno di impianti inquinanti e costosissimi per risolvere i problemi di una moderna gestione dei rifiuti-materiali. Ecco che allora con il decreto “Sblocca Italia” che ancora di fatto rischia di “rottamare” un intero paese già coinvolto in una pesantissima crisi ambientale (dissesto idrogeologico-vedi Genova, “Terre dei fuochi” con necessità diffuse di bonifiche da realizzare urgentemente) si calpestano regioni e comuni titolari normativi delle pianificazioni (e lo stesso dettato legislativo 152/2006) “sancendo” che i rifiuti urbani possano tranquillamente viaggiare da regione a regione senza le necessarie autorizzazioni. Questo è il tentativo arrogante di dare un “pugno in faccia” all’ estensione delle raccolte differenziate (e dei conseguenti posti di lavoro legati all’indotto del riuso/riciclo/compostaggio che l’Europa stima in centinaia di migliaia) che si cerca di imporre definendo gli inceneritori “opere di interesse strategico” (cioè prioritarie e da realizzare con procedure accorciate nei tempi e nei modi) in aperto contrasto con la normativa europea che afferma al contrario la assoluta priorità da applicare alla riduzione e al riciclo dei rifiuti. Il decreto governativo (che dovrà essere approvato in parlamento tra circa 60 giorni) rappresenta il “colpo di coda” della industria sporca e ancora una volta “assistita” dal potere politico dell’incenerimento dei rifiuti. Questo tentativo non deve passare! Per questo occorre ribadire che la Strategia Rifiuti Zero è invece la strada da percorrere, già intrapresa da circa 4 milioni e 700 mila italiani rappresentati dai 215 comuni che già ne hanno adottato gli obiettivi. Indietro non si torna! Bene hanno fatto tutte le regioni del nord Italia (e molti sindaci) ad esprimere netto diniego all’articolo 35 che punirebbe peraltro molte comunità virtuose che già come in Veneto, Lombardia, Piemonte ecc. hanno quasi “azzerato” il problema degli “smaltimenti” con efficaci e partecipate iniziative di riduzione, riuso, raccolta differenziata, riciclo, compostaggio e che rischierebbero paradossalmente di essere inondate di rifiuti e di… inquinanti. Per questo Zero Waste Italy chiede che insieme al ritiro dell’intero articolo 35 il governo elabori piani nazionali per la riparazione ed il riuso di beni e prodotti (già ora il comparto senza alcun sostegno conta circa 90.000 addetti) e per il riciclo al fine non solo di tutelare salute ed ambiente ma anche per mettere a disposizione delle industrie manifatturiere preziosi materiali e soprattutto per favorire lavoro ed impresa locale. Rottamiamo le politiche del passato inquinanti e per i soliti noti, vogliamo che contino le comunità e si applichino le buone pratiche Rifiuti Zero. Non bruciamo il futuro!

ZERO WASTE ITALY

 GAIA – Giornata Mondiale contro l’incenerimento dei rifiuti 

ECONOMIA
11 ottobre 2014
Quali regole governeranno l'economia del futuro?
            Economia criminale
La nuova economia

La nuova economia

Ricordate quella strana ed inquietante pubblicità che mostrava un uomo che girava per strada con una sporta della spesa piena e tutti lo ringraziavano? Il messaggio era di comprare qualsiasi cosa, perché questo fa girare l’economia. Infatti non veniva mai mostrato cosa ci fosse nella busta. Ora sappiamo che in quella busta ci può essere anche cocaina, sigarette di contrabbando, o il numero di telefono di uno sfruttatore di prostitute. Infatti, in tutti i paesi dell’Unione Europea, d’ora in poi, verranno inseriti nel calcolo del PIL i proventi di attività illecite come il traffico di stupefacenti, la prostituzione e il contrabbando. E allora questa pubblicità potrebbe mostrare gente che ringrazia spacciatori in azione, appelli a provare l’ebbrezza dello sballo, o slogan come “compra sigarette di contrabbando; risparmierai un bel po’ di soldini!” A questa aberrazione è giunto un sistema economico che sta soffocando il mondo nella sua ossessione della crescita perenne del PIL, e quest’ultimo, spacciato per indicatore di benessere, ha gettato la maschera e mostrato il suo vero volto perverso e senza qualità, che poco o nulla ha a che vedere con il benessere. Il PIL è come una cloaca dove tutto ciò che entra, bombe alla crema, come bombe al plastico, biciclette come carri armati, aquiloni come caccia bombardieri….tutto si si trasforma in denaro, numeri che si sommano, senza alcuna distinzione fra l’utile e l’inutile, fra il salubre e il nocivo e poi finisce sui mercati della speculazione finanziaria.
Gli economisti fedeli seguaci della religione della crescita, che praticano oltre ogni limite di ragionevolezza, con i loro servi sciocchi della politica, stanno trascinando il mondo in un grande blob senza qualità, verso un futuro pieno di tragiche illusioni, e lo chiamano progresso. A quando un bel sindacato spacciatori, o la premiata ditta Messina Denaro srl quotata in borsa? O Totò Riina in visita al Ministero dello Sviluppo Economico scortato dagli uomini della DIA?

sfoglia
<<  1 | 2  >>
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 816895 volte