“Non si vive invano ai piedi di un vulcano” Jorge Pilar vesuvionline | Il Cannocchiale blog .

vesuvionline
Notizie, aggiornamenti e liberi pensieri di vita sociale e politica dei vesuviani



Facciamo sì che la distruzione ambientale

diventi un crimine.
 

Unisciti al movimento e fai sentire la tua voce!


Un'iniziativa dei cittadini europei ha potere giuridico,
i politici non possono più ignorarci!
1 Milione di firme per il nostro futuro

"la legalità è la premessa assoluta della democrazia" 

"Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono.Poi vinci!"
Mahatma Gandhi

In uno stato democratico i cittadini hanno diritto
ad esprimere le proprie opinioni dove vogliono.
Anche su internet. 

 

 Utente: Alessandro74
Nome: FrancoM

Sono uno in mezzo ai tanti.

Uno che pensa e quindi esiste.

 Sono quello che sono, imperfetto e migliorabile.

Sono uno che sa di non sapere.
 

Adesso una Italia nuova
...YES, WE CAN...
Si può fare

 

Consulta il METEO dei Comuni vesuviani

Meteo Campania

 a cura di ilmeteo

  Versione in altra lingua

 Con un semplice click puoi accedere alla versione del sitonella lingua da te desiderata.Il servizio, avvalendosi di stumenti automatici online, è soggetto a imprecisioni di traduzione;non abbiamo quindi alcuna responsabilità sulle traduzioni.

  • english - powered by Google Translate
     
     

 

 

 

 

 foto

 

NOI CI IMPEGNIAMO

Ci impegniamo noi

e non gli altri

unicamente noi

e non gli altri,

né chi sta in alto

né chi sta in basso,

né chi crede

né chi non crede.

Ci impegniamo senza pretendere

che altri s'impegnino,

con noi o per suo conto,

come noi o in altro modo.

Ci impegniamo senza giudicare

chi non s'impegna,

senza accusare chi non s'impegna,

senza condannare chi non s'impegna,

senza disimpegnarci

perché altri non s'impegna.

Ci impegniamo perché

non potremmo non impegnarci.

 
 

Chi lotta sa di poter perdere

chi non lotta ha già perso

 

 

Solo in Campania, posto che nelle altre regioni vige il divieto assoluto, (con il decreto n. 90) sarà possibile smaltire in discarica un rifiuto normativamente considerato pericoloso in qualsiasi paese europeo.
75 Magistrati
della Procura Generale di Napoli (documento inviato al Consiglio Superiore della Magistratura nel giugno 2008)


Questo è un Urban Blog!
Boscotrecase e Area Vesuviana


 

 Firma contro i corrotti

aiutaci
 
"Signor Abate, detesto quello che scrivete, ma darei la vita per permettervi di continuare a scrivere"  
François-Marie Arouet (per gli amici e gli svizzeri Voltaire 1754) 

Dovete ritrovare il coraggio di indignarvi di fronte alla negazione dei diritti che vi competono
mons. Depalma Vescovo di Nola


"Il male non sta solo nell'atto di compiere il male, sta nel non prendere posizione contro il male"
Oriana Fallaci.

 "Chiunque, da solo, si accinge oggi a spostare le montagne dell'indifferenza, se non dell'odio e della violenza, ha un compito immane. Ma ciò che è impossibile a milioni di uomini isolati e divisi, pare diventi possibile a gente che ha fatto della fraternità universale il movente essenziale della vita.”
Chiara Lubich - Parlamento europeo, 1998

"Se vuoi la Pace custodisci il Creato

e difendi i diritti e i beni comuni di ogni uomo".

 

 « Ogni giorno di più mi convinco che lo sperpero della nostra esistenza risiede nell'amore che non abbiamo donato. L'amore che doniamo è la sola ricchezza che conserveremo per l'eternità »
Gustavo Rol

Cercate l'amico sempre nelle ore di vita, lui può colmare ogni vostro bisogno,
ma non il vostro nulla.

K. Gilbran 

lo sdegno per la realtà delle cose è il coraggio di cambiarle
Sant'Agostino

"Lasciatemi dire che è anche un po' colpa nostra se c'è qualche politico, più di un politico, che non fa il proprio dovere o, peggio ancora, fa qualcos'altro"
Francesco Fortugno

" La mafia non è affatto invincibile.
E' un fatto umano, e come tutti i fatti
umani ha avuto un inizio e avrà anche
una fine.
Piuttosto bisogna rendersi conto
che è un fenomeno
terribilmente serio,
molto grave,
e che si può vincere
non pretendendo l'eroismo
da inerti cittadini, ma impegnando
in questa battaglia tutte le forze
migliori delle istituzioni.."

Giovanni Falcone

"E' naturale avere paura,

l'importante è che sia accompagnata dal coraggio"

paolo borsellino 

Il fatto è che loro sono forti della nostra paura.

Nel momento in cui noi non abbiamo più paura ,

loro sono poca cosa.

Silvana Fucito

Il saggio sa di essere stupido,
è lo stupido invece che crede di essere saggio 
William Shakespeare


Si è sempre meridionali di qualcun'altro

 

Se i genitori hanno fallito che siano i figli ad educare i padri;

se la vecchia scuola ha mancato che siano gli alunni a formare i
docenti distratti o cinici o indifferenti;

se la politica ha mostrato il suo volto
peggiore che siano i cittadini a ricordare ai politici che sono loro ad essere al servizio della gente e non viceversa!

                                                            

                                  prof. Felicio Izzo


"La democrazia è il governo del popolo, dal popolo, per il popolo"
Abramo Lincol


La vecchiaia è come un conto in banca.
Prelevi da ciò che hai accumulato.
Date di più. Aspettatevi di meno. 


Aiuta gli altri ad aiutare se stessi.
Rita Levi-Montalcini

 

Gli uomini sbagliano e comunque, quando lo fanno, subiscono sempre le conseguenze dei loro errori. L’arte invece è sempre al di sopra di tutte le bassezze umane, infatti risorge prepotentemente da tutte le ceneri.
musicaepolitica

Quando imparermo ad osservare senza emettere giudizi, sarà un gran giorno per la nostra intelligenza.
Sale nel mondo

 "Se non diremo cose che a qualcuno spiaceranno, non diremo mai la verità"
Joseph Pulitzer (1911)


"Val sempre la pena di fare una domanda, ma non sempre di darle una risposta"
(Oscar Wilde)

"Non c'è nulla di male a essere ultimi, se lo si è con dignità"
(Zdenek Zeman)



"Non serve trovare un posto in una società ma costruire una società nella quale valga la pena di trovare un posto" 


 A combatter con il fango...
che si vinca o che si perda,
sempre ci si infanga.
 
 

«… Noi sappiamo che la Terra non appartiene …»

all’uomo, è l’uomo che appartiene alla Terra.

Questo sappiamo.

Tutte le cose sono collegate

come il sangue che unisce una famiglia.

Tutto è connesso.

Quello che accade alla Terra,

accade ai figli della Terra.

L'uomo non ha tessuto la trama della vita,

in essa non è che un filo.

Qualsiasi cosa che egli faccia alla trama…

la fa a sé stesso

Risposta del Capo Indiano Seattle

al Presidente Americano nel 1854

 

Le tue convinzioni diventano i tuoi pensieri.
I tuoi pensieri diventano le tue parole.
Le tue parole diventano le tue azioni.
Le tue azioni diventano le tue abitudini.
Le tue abitudini diventano i tuoi valori.
I tuoi valori diventano il tuo destino.
Mahatma GANDHI

Ama tutti
Ama ogni giorno
Ama per primo
Chiara Lubich


La libertà è innanzitutto un dovere,
prima che un diritto
Oriana Fallaci

"Nessuna violenza sui bambini è giustificabile, tutte le violenze sui bambini possono essere evitate. Il grado di civiltà di un Paese si misura in base all'attenzione che dedica ai suoi bambini".
Walter Veltroni


"il miglio rifiuto è quello che non è prodotto"
W. Sacks

Una stampa cinica e mercenaria
 prima o poi
creerà un pubblico ignobile.
Joseph Pulitzer

Non avere amici che non siano simili a te stesso; se sbagli, non aver paura di correggerti.Non mi dispiace di non essere conosciuto dagli uomini, mi dispiace di non conoscerli.
Confucio

La legalità non si predica, si pratica 

Sii forte, mia dolcissima, in questa prova assurda e incomprensibile.
Vorrei capire, con i miei piccoli occhi mortali, come ci si vedrà dopo. 
Se ci fosse luce, sarebbe bellissimo.
 
Aldo Moro alla moglie Eleonora

La Pace prima che traguardo, è cammino, cammino in salita.
don Tonino Bello

Uno stato che attua la pena di morte
è uno stato che non insegna
che uccidere è sbagliato!
nelson mandela

"...Come vedi tutto è usuale, solo che il tempo chiude la borsa
e c'è il sospetto che sia triviale l'affanno e l'ansimo dopo una corsa,
l'ansia volgare del giorno dopo, la fine triste della partita,
il lento scorrere senza uno scopo di questa cosa che chiami vita."
il futuro appartiene a chi crede nella bellezza dei propri sogni
el Che

l`uomo saggio è colui che sa di non sapere..
filosofia Zen

"Perché il male trionfi è sufficiente che i buoni rinunzino all'azione"  Edmund Burke

"Se i tempi non richiedono la tua parte migliore... inventa altri tempi!"

"Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere,qualunque sia il sacrificio da sopportare,costi quel che costi,perche' in cio' sta l'essenza della dignita' umana"
Giovanni Falcone 

per cambiare il mondo basta anche una sola persona,
basta che non sia una persona sola
Mario Adinolfi

Molto ho imparato dai miei maestri, altro dai miei colleghi
e moltissimo dai miei allievi.
 [dal “Talmud”]
   

"Un idiota in un posto importante e' come un uomo in cima a una montagna: tutto gli sembra piccolo e lui sembra piccolo a tutti"
(Match)

"La somma dell'intelligenza sulla Terra e' costante; la popolazione e' in aumento"
(Cole)

”Noi abbiamo combattuto per quelli che c’erano,
per quelli che non c’erano e anche per chi era contro…”
Arrigo Boldrini (medaglia d’oro per la Resistenza) 

Siate sempre capaci di sentire nel più profondo qualunque ingiustizia
commessa contro chiunque in qualunque parte del mondo
Ernesto Che Guevara

"Se un uomo non è disponibile a correre qualche rischio per le proprie idee,
o le sue idee non valgono nulla
o è lui che non vale nulla"
(Ezra Pound)

“I deboli non combattono,
quelli più forti lottano per un’ora,
quelli ancora più forti lottano per molti anni,
ma quelli fortissimi lottano per tutta la vita.
Costoro sono indispensabili”

B. Brecht



“Solo quando l'ultimo fiume sarà prosciugato
quando l'ultimo albero sarà abbattuto
quando l'ultimo animale sarà ucciso
solo allora capirete che il denaro non si mangia."
Profezia Creek

Quando la metà del mondo guarda in tv

l´altra metà che muore di fame,
la civiltà è giunta alla fine.

James Wolfensohn
già presidente della Banca Mondiale
 


 Essere giovani vuol dire tenere aperto l’oblò della speranza,

anche quando ilmare è cattivo e il

cielo si è stancato di essere azzurro.

Bob Dylan



Se sei triste e vorresti morire, pensa a chi sa di morire e vorrebbe vivere.    
Jim Morrison

"La pena che i buoni devono scontare per l'indifferenza alla cosa pubblica

è quella di essere governati da uomini malvagi"

Socrate

 

È necessario cercare il giusto equilibrio tra
il rispetto della propria identità e il riconoscimento di quella altrui.
 
 Papa Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla)

 

"Dio, tu che hai posto un limite all'intelligenza dell'uomo, perchè non hai posto un limite alche alla sua idiozia?"
 

(John Fitzgerald Kennedy)
 

 "L'utopia è come l'orizzonte. Mi avvicino di due passi, lei si allontana di due passi. Cammino per dieci passi e l'orizzonte si sposta di dieci passi più in là. Per quanto io cammini, non la raggiungerò mai. A cosa serve l'utopia? Serve proprio a questo: a camminare".

Eduardo Galeano

 

 

„Non possiamo più ignorare e sottrarci al dibattito politico, dimenticare l’urgenza di una

riappropriazione delle sfide democratiche, «facendo come se» l’impegno civile e

responsabile fosse una faccenda riservata agli eletti“

 

 "Non dimenticare che nei periodi più bui, un piccolo numero di donne, di uomini, di giovani e perfino di bambini sparsi sulla terra, sono stati capaci di cambiare il mondo”  Frére Roger Schutz

Se in tutta questa guerra disonesta dobbiamo perdere anche il gusto del bello, allora il barbaro ha già vinto   Trevanian - "Shibumi. Il ritorno delle gru. L'etica dell'assassino perfetto"

"Alla fine, proteggeremo solo ciò che amiamo, ameremo solo ciò che capiamo, e capiremo solo ciò che ci viene insegnato"    Baba Dioum, ambientalista senegalese

Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla Martin Luter King

DIARI
14 settembre 2014
Rischio eruzione in Europa: studio shock per i Campi Flegrei tenuto sottochiave dalla Protezione Civile

Rischio eruzione: uno studio per Vesuvio e i Campi Flegrei: ecco la ricerca shock tenuta sottochiave dalla Protezione Civile.


 Nei Campi Flegrei il pericolo di un'eruzione è più forte rispetto al Vesuvio, all'Etna, allo Stromboli. Lo sapevamo dalla storia geologica del comprensorio, ma ora è scientificamente dimostrato da un rapporto riservato dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia.

Una ricerca pubblicata due anni fa, ma tenuta rigorosamente sottochiave dalla Protezione Civile, perché il piano di sicurezza del territorio, con l'allargamento nella zona rossa della periferia occidentale di Napoli, ancora non è pronto. Il metodo seguito dai ricercatori dell'Istituto fissa al 10 per cento le probabilità di un'eruzione nei Campi Flegrei. Un livello stabile, registrato attraverso diversi parametri di valutazione, dunque la quota di rischio più alta dell'Europa continentale. Nessun motivo di allarme, ma bisogna prevenire per difendersi. Stesso discorso, ovviamente, per il Vesuvio, pericoloso soprattutto per la densità demografica condensata nel vasto circondario del cratere.

Il rapporto. Si tratta del metodo definito "Operational Eruption Forecasting" che valuta l'evoluzione dell'attività vulcanica nei comprensori a più alto rischio. Per i Campi Flegrei la probabilità dell'eruzione ha superato la quota del 10 per cento. Tutto nasce dallo studio di quattro ricercatori dell'Istituto: Paolo Papale (responsabile della sezione Vulcanologia), Warner Marzocchi, Jacopo Selva, Laura Sandri. Il rapporto è stato pubblicato sul «Journal of Applied Volcanology» nel 2012. La Protezione Civile, però, non ha mai diffuso il testo del lavoro, perché ancora non è stato aggiornato il piano di sicurezza dei Campi Flegrei con l'allargamento della zona rossa.

LEGGI IL DOCUMENTO

DIARI
9 settembre 2014
La proposta popolare di Legge verso Rifiuti Zero 2020 approda in Parlamento
DIARI
9 settembre 2014
a Lucio...

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. anniversario lucio battisti emozioni

permalink | inviato da FrancoM il 9/9/2014 alle 8:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
7 settembre 2014
Boscotrecase NA:Festa del Pomodorino del piennolo del Vesuvio DOP

SIETE TUTTI INVITATI...

DIARI
5 settembre 2014
Quattro anni senza Angelo Vassallo
CI MANCA IL SUO SORRISO E IL SUO IMPEGNO
 
 "Partiamo dalla fine di un uomo ma non di un sogno"...
 
DIARI
31 agosto 2014
Ad Aversa #terradeifuochi la giornata nazionale per la Salvaguardia del Creato con i Vescovi della Conferenza Episcopale Italiana

           

DIARI
21 agosto 2014
Ora anche la droga e la prostituzione entrano come indicatori di PIL in Europa...ma che economia è?
            Droga e prostituzione entrano nel Pil: per l'Istat sono indicatori di crescita

di Marco Dotti

Da settembre, l'Istat e gli istituti di statistica europei includeranno la spesa in droghe e prostituzione e dell'economia grigia del contrabbando per valutare il peso dell'economia europea ferma da troppi anni. Dopo l'azzardo, ritenuto "consumo culturale", un altro aberrante paradosso delle statistiche europee. Per la gioia dei governanti

prostituta1

Contestato, criticato, ritenuto vecchio e inadatto per economie dinamiche, in tempi di crisi il Pil  è invece un indicatore economico che può tornar comodo a chi vive e prospera sulle statistiche. Come? Ecco due ragioni che, di questi tempi, hanno quasi cancellato dalla scena pubblica ogni dibattito su criteri alternativi di valutazione economica, dai Bes (il Benessere Equo Sostenibile) al Fil (la Felicità interna lorda).
a) Da un lato, il Pil di una nazione non cresce come ingenuamente si crede solo quando "le cose vanno bene", anzi: peggio vanno e più il Pil tende a crescere. Il classico esempio è quello degli ingorghi stradali: più tempo perdiamo per strada, e più il Pil sale - grazie a consumo di carburante, pedaggi autostradali, spese in manutenzione dell'automobile e via discorrendo. Giustamente, è stato ricordato che certe nazioni "mettono a valore" anche l'inquinamento dell'aria. Più inquinamento c'è, più il Pil cresce e questo alla faccia della green economy. Voltare pagina in termini di indicatori economici significherebbe ammettere ben più di una sconfitta rispetto al modello di crescita tacitamente e implicitamente adottato anche in sede europea.
b) Dall'altro lato, nel Pil si può far rientrare, attraverso un artificio tecnico, anche la proiezione sul “sommerso” determinando così un aumento stimato e improvviso del Pil e dando di conseguenza all'opinione pubblica l'illusione di una crescita. Detto in termini un po' rozzi: l'economia mafiosa non è tale in sede statistica e a nulla importa che produca effetti distorsivi sulla concorrenza e sul mercato, anzi.
Da settembre, come conseguenza dell'armonizzazione dei criteri voluta in sede europea il Pil italiano cambia volto e apre proprio al sommerso, con un incremento previsto del Pil di circa il 2% (circa 32 miliardi di euro), considerando che l'economia sporca (la cosiddetta grey economy) in Italia si stima corrispondente al 16,50-17,50% di quella legale. Svezia e Finlandia, stando a questi calcoli, vedrebbero incrementare del 4% il loro Pil, mentre l'Inghilterra si attesterebbe al 4%. 
Tra i parametri che più faranno discutere e che in parte spiegano anche l’attivismo degli organismi internazionali che puntavano alla loro “legalizzazione” (cosa diversa, ça va sans dire, dal dibattito sulla depenalizzazione), vi sono quelli legati al "consumo" di sostanze stupefacenti, la spesa per la prostituzione, il commercio illegale di alcool e sigarette. Insomma, l'illegalità messa alla porta a parola, rientra tranquillamente dalla finestra. 
Droga, prostituzione e contrabbando vengono "messi a valore" nel calcolo del nostro comune benessere... Ma del malessere, dello sfruttamento, della riduzione in schiavitù nulla si dice. Ricordiamo che in Italia la stima di donne e uomini "impiegati" nel business della prostituzione è di 70.000 persone. Alla base di questo business, che l'Istat vorrebbe trattare con "neutralità", c'è la tratta di esseri umani, una neo-schiavitù che alimenta anche racket, usura, sfruttamento. Ma le storie e le vite scompaiono, dietro la maschera dei numeri, salvo poi riapparire come "indicatori di benessere"
Un paradosso forse, ma che rivela la natura compromissoria e per molti versi aberrante del Pil. Come denunciava Bob Kennedy, pochi mesi prima di essere ammazzato , la ricchezza delle nazioni non si può misurare tramite il Pil che tutto misura, fuorché ciò che rende la vita degna di essere vissuta.

«Il Pil non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione e della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia e la solidità dei valori familiari. Non tiene conto della giustizia dei nostri tribunali, né dell'equità dei rapporti fra noi. Non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio né la nostra saggezza né la nostra conoscenza né la nostra compassione. Misura tutto, eccetto ciò che rende la vita degna di essere vissuta». Così parlava Robert Kennedy (il discorso integrale in inglese lo trovate allegato qui accanto). 
Per quanto riguarda l’azzardo, l’Istat, come già avevamo scritto su Vita nel marzo scorso, lo considera da tempo “consumo ricreativo” e culturale. Ora si attende che per coerenza anche il giro illegale del gioco d’azzardo, quantificato da Confindustria in 23 miliardi di euro annui, rientri in qualche modo nel Pil.
In sostanza, a partire dal prossimo rapporto di settembre lo status giuridico non verrà più considerato dirimente per l’inserimento di un fattore nel calcolo del Pil, conterà solo la capacità di produrre spesa o reddito.
Con un dubbio, nemmeno piccolo in verità: come verrà calcolata e con quali evidenze scientifiche si sottoporrà a verifica l’incidenza economica dell’economia illegale, che per definizione non ammette né prevede contabilità e, di conseguenza, controlli? Alla base della qualificazione "illegale" di un'economia c'è una scelta di valore. Per esempio, il lavoretto da 10 euro pagato in nero è economia illegale o informale? Evasione o semplicemente accordo equo tra gentiluomini? La corruzione col traffico economico che genera è esclusa dall'Istat? Tutti sanno che alla base del mercato nero di alcool e sigarette (e perché non quello della contraffazione?) c'è un'attività prelimiare di corruzione e concussione, che quindi rientrerebbero a rigor di logica nei dati dell'Istat. Insomma: quale sia il valore alla base dei "valori" dell'Istat non è molto chiaro.
Il fatto che l’Eurostat – l’ufficio statistico dell’Unione Europea, con sede in Lussemburgo – abbia predisposto criteri precisi di valutazione per questa "zona grigia" più che rassicurare aggiunge dubbi su dubbi, vista anche la non uniformità dei "terreni" di ricerca: la prostituzione è legale in alcuni paesi, così come il consumo di stupefacenti, quindi queste attività sono soggetto a studi di settore e rendicontazione, mentre in altri paesi sfuggono a ogni verifica, salvo quella in sede penale e amministrativa di sequesto. Come rendere omogenei dati che per struttura, contesto e natura, non lo sono? Oppure è proprio questa elasticità il trucco escogitato dai burocrati europei, che tireranno come una porta a soffietto - a seconda delle necessità di taglio o sostegno a qualche governo fedele alla causa - le cifre? Si tratta di un dubbio, non di un'accusa - sia chiaro.
Va poi detto che per l'Istat, la spesa in armamenti – che ha un peso non indifferente, se pensiamo a quanto stanziato per gli F-35 – passerà dalla categoria “consumi intermedi” a investimenti.  Una bella mossa, in attesa che anche le spese mediche, legali per aggressioni e violenze vengano messe a "valore".




permalink | inviato da FrancoM il 21/8/2014 alle 12:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
5 agosto 2014
off topic's

            Finalmente vacanza...almeno fino a ferragosto...pioggia permettendo

Collegamento permanente dell'immagine integrata    




permalink | inviato da FrancoM il 5/8/2014 alle 12:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
29 luglio 2014
off topic's
            View image on Twitter
 
Franco @enortam   

La ...macchiata dal sangue dell'odio...


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Gaza rosa sangue odio guerra

permalink | inviato da FrancoM il 29/7/2014 alle 0:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
DIARI
26 luglio 2014
ViviVesuvio - il Rumore del Silenzio

#ViviVesuvio "il Rumore del Silenzio" in pieno #ParcodelVesuvio...straordinario amore per #natura da Alfredo e family pic.twitter.com/AcHO7nTlZa

Caricamento foto in corso

Caricamento foto in corso

Caricamento foto in corso

Caricamento foto in corso

sfoglia
  
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 790096 volte